A Ponte in Valtellina l’istallazione di Land Art

L’ALBERO CHE PARLA – L’ALBERO CHE NUTRE

dedicato a “Nutrire il Pianeta – Energie per la vita”.

Il Gelso di Ponte (un albero monumentale di oltre 300 anni) come “segno” di un progetto di sviluppo locale sostenibile in grado di rigenerare il borgo medievale di Ponte in Valtellina storicamente uno dei centri propulsori della vita culturale ed economica della Valle dei tellini e che oggi si trova ad affrontare i problemi generati dal declino economico generato dalla desertificazione demografica, giovanile ed imprenditoriale. Il Murunè è un albero identitario ed una metafora vivente del paradigma dei Territori Intelligenti. Una Nuova economia che integra passato e futuro, che valorizza le antiche produzioni, la biodiversità, la naturalità dei sistemi di coltivazione sostenibili.

l’albero della vita che parla e nutre in notturna

 

La Biodiversità esce di conseguenza dal recinto della tutelata e della conservazione per ri – diventare risorsa comunitaria nella riorganizzazione del modello di sviluppo e del ciclo alimentare ed energetico del territorio.

i prodotti dell’agro biodiversità alpina esposti

 

Un’installazione di Land Art che utilizza come elementi comunicativi le patate blu di Valtellina, la Segale Antica di valtellina, il grano saraceno del Presidio Slow Food di Teglio (So), le mele biologiche, il miele degli apicoltori associati a “punto.Ponte”, le zucche, i caki…. tanti prodotti legati alla storia agricola ed alimentare della Valtellina e che ha come soggetto centrale un albero di gelso di 600 anni: il Gelso di Ponte in Valtellina

Il Gelso NUTRE: nutre con i prodotti dell’agro biodiversità alpina e delle produzioni identitarie. Il Gelso “parla” attraverso il suono dell’hang diffuso durante la notte in un racconto segnato dalla dolcezza, dalla musicalità e dall’armonia.

 

… ecco che il luogo, avvolto dal suono, si fa soggetto e diviene PAESAGGIO SONORO

Domenica 22 Dicembre 2013 alle ore 11.30 Francesco D’Auria ha inaugurato l’installazione con una performance seguita da un’aperitivo – buffet. Aperitivo offerto dall’Albergo – Ristorante da Nello, Forno di Berola, Osteria al Sole e il Ghiottone, aziende  associate a “Punto.Ponte”.

Domenica 22 Dicembre 2013 alle ore 11.30 Francesco D'Auria ha inaugurato l'installazione con una performance

Patrizio Mazzuchelli di Raetia Biodiversità Alpine all’Aperitivo – Buffet presenta le Patate Blu di Valtellina sotto la Protezione della Fondazione Svizzera Pro Specie Rara – con cui Ponte.Ponte ha successivamente collaborato nel progetto Il gelso: un patrimonio socio-culturale da salvaguardare”.

Patrizio Mazzuchelli di Raetia Biodiversità Alpine

un ospite d’onore all’inaugurazione: Natale Dotti (ex) fontaniere di Ponte in Valtellina che ringraziamo

1499645_605572649521609_2110879030_n

  •  Ideazione / concept di Claudia Angrisani
  • Progettazione di Renzo Erini, Giovanni Busetto, GianMario Folini, Claudia Angrisani, Serena Bracchi
  • Si ringrazia il proprietario del gelso per la disponibilità e la collaborazione
Annunci